Viaggi

(0 voti, media 0 di 5)

Luglio

Il Nepal degli Dei e degli sciamani dal 15 al 30

Un viaggio per fare un'esperienza diretta dello sciamanesimo, antica pratica spirituale che espande la coscienza e trascende i limiti della realtà ordinaria. Accompagnati dal suono del tamburo e dai canti degli sciamani, conosciamo un Nepal misterioso, magico e nello stesso tempo reale. Incontriamo sciamani di differenti etnie (newari, chhetri, aryan e tibetani), assistiamo a rituali di guarigione sciamanica e partecipiamo ad un seminario teorico e pratico condotto dallo sciamano Bhola Banstola. Visitiamo i luoghi storico-religiosi di Kathmandu e della valle, gli antichi monumenti e le strade ricche di fascino, di colore e di profumi. Trascorriamo 4 giorni a Bhaktapur, patrimonio dell'Unesco, città medioevale che ha conservato intatto il fascino del passato e che lascia un ricordo indelebile. Ci perdiamo fra i templi di Patan, citta'-museo all'aperto, assistiamo alle cremazioni sul sacro fiume Bagmati a Pashupatinath, il più importante luogo di culto dedicato a Shiva, circombuliamo il grande stupa buddista di Boudanath, centro della cultura tibetana e fra villaggi e risaie raggiungiamo Pokhara, incantevole cittadina ai piedi del Massiccio dell'Annapurna, dove ci rilassiamo sulle rive del lago

Agosto

In Ladakh, il Paese degli alti valichi dal 2 al 15

Un viaggio per conoscere una delle zone più affascinanti e più remote dell'India himalayana dai paesaggi lunari, dove i monasteri continuano ad essere centri di culto e di insegnamento. I silenzi interrotti dalla sventolio delle bandiere di preghiera, dal canto dei monaci, i laghi turchesi attorniati dai ghiacciai: il Ladakh offre ancora al viaggiatore spazi metafisici che riportano a Milarepa, il saggio tibetano del 13° secolo: "Lassù. tra le pietraie assolate, si svolge ogni giorno uno strano mercato: puoi barattare il vortice della tua vita per una beatitudine senza confini". Da Leh, piccola capitale a 3500 metri, inizia il viaggio in jeep, per entrare nelle strette valli, per costeggiare il sacro fiume Indo, per "perderci" nella grandiosità dei paesaggi dove la profonda spiritualità diventa parte integrante. Abbaglianti monasteri abbarbicati sulle rocce, minuscoli villaggi la cui vita è scandita dal ritmo delle stagioni, gente ospitale che custodisce un'antica saggezza nella semplicità di una vita non facile: un viaggio per chi, lasciata alle spalle la vita frenetica, vuole ascoltare il silenzio, dentro e fuori di sé

Trekking in Ladakh nella regione dello Zanskar dal 15 all'1 settembre

La remota regione dello Zanskar situata a sud del Ladakh, è formata da alcune valli racchiuse da alte montagne. Un trekking di media difficoltà dove ogni giorno ci sono dei valichi da superare, dove le pareti rocciose sembrano tavolozze di un pittore, antichi monasteri si alternano a profonde gole e alle vette innevate della grande catena himalayana. dove montagna e spiritualità convivono nel sorriso delle persone. Un viaggio che permette di conoscere valli segrete e antichi monasteri, venendo a contatto con una popolazione, i Zanskar pa, orgogliosi delle loro secolari tradizioni. Un trekking per riflettere sulla qualità della vita, per assaporare con lentezza i ritmi della giornata in armonia con la natura, per ritrovare l'antico piacere del camminare, senza fretta, nel silenzio, per incontrare persone che ancora sanno sorridere, con una profonda spiritualità e semplicità, per entrare nel cuore della cultura e della vita di uno dei popoli più isolati della regione himalayana che, grazie al loro isolamento, sono riusciti a mantenere intatto il patrimonio culturale buddhista.

Settembre

In Nepal tra templi e villaggi dal 17 al 26

Un viaggio che unisce le bellezze paesaggistiche con la spiritualità dei templi, l'atmosfera delle città medioevali con i silenzi himalayani, per conoscere il Nepal dei templi, delle piazze antiche, delle strette strade dove i profumi si mescolano ai colori, le persone alle vacche sacre, il nuovo con il passato, in un caleidoscopio difficile da dimenticare. Visitiamo kathmandu, in bilico tra passato e presente ma con ancora il fascino di altri tempi, Bhakatpur, patrimonio dell'Unesco, che ha saputo conservare intatto il suo aspetto di città medioevale, dove gli abitanti svolgono gran parte delle loro attività nelle strade animate, Patan con le sue pagode, i tetti dorati è una vera e proprio città-museo, Pashupatinath, il più importante dei luoghi di culto per gli indu e Boudanath, centro della cultura tibetana. Ma anche un trekking alla portata di tutti, per conoscere il Nepal dei villaggi, dei ritmi lenti, per camminare sui sentieri fra le risaie, per giocare con i bambini, per incontrare persone semplici per le quali il sorriso e l'ospitalità sono ancora sacri, per ammirare le vette innevate della catena himalayana, per dormire nel silenzio con la voglia, appena alzati, di riprendere il cammino, seguendo il proprio ritmo, senza fretta, assaporando l'armonia dei posti e il gioco delle nuvole, per soddisfare il bisogno naturale di ogni uomo: quello di ritornare semplicemente uomo, lontano dai ritmi frenetici, dall'assillo incalzante del tempo

Ottobre

Trekking attorno alla catena dell'Annapurna dal 2 al 20

Tra gli innumerevoli trekking che il Nepal propone, il giro dell'Annapurna è uno di maggior richiamo, per la varietà di paesaggi e di etnie che offre. Un trekking medio-difficile che permette di conoscere il Nepal dei villaggi, nella bellezza della catena himalayana dell'Annapurna e del Daulagiri Il percorso si svolge in due valli, la Marsyandi e la Kali Gandaki collegati dal Thorong La, che costituisce la quota massima del giro, metri 5416. Dai terrazzamenti delle risaie agli spazi desertici, dalle cascate al forte vento, dal clima subtropicale a quello alpino, dai templi induisti ai monasteri buddisti:un viaggio indimenticabile che regala forti emozioni e silenzi, sotto lo spettacolo dell'Himalaya che fece dire a Roerich, mistico e viaggiatore russo del 1700 "Solo dopo aver visto l'incomparabile bellezza dell'Himalaya posso parlare dell'esistenza del Creatore" Ma il Nepal non e' solo montagne. visitiamo kathmandu, in bilico tra passato e presente ma con ancora il fascino di altri tempi, Bhakatpur, patrimonio dell'Unesco, che ha saputo conservare intatto il suo aspetto di città medioevale, dove gli abitanti svolgono gran parte delle loro attività nelle strade animate, Patan città-museo, Pashupatinath, il più importante dei luoghi di culto per gli indu e Boudanath, centro della cultura tibetana

Novembre

India del sud: in Kerala tra cure ayurvediche e lagune dal 22 al 6 dicembre

Un viaggio per immergersi nella natura rigogliosa del kerala che prende il nome da kera, noce di cocco, presente ovunque. Ed è nel kerala che la tradizione delle cure ayurvediche rimane intatta nel tempo. L'ayurveda non è solo una medicina, è piuttosto una scienza, ed un modo di vivere. Praticata da migliaia di anni, insegna a portare in equilibrio il corpo e la mente. Lo scopo dell'ayurveda è di raggiungere un perfetto stato di salute fisica, mentale e spirituale, per vivere in equilibrio sia con se stessi che con l'ambiente circostante. Per alleggerirsi dal peso degli stress, i trattamenti ayurvedici sono l'ideale, in un ambiente che garantisce la professionalità di un team di medici e di esperti terapisti. Ma il Kerala, stretta striscia di terra fra il mare Arabico e i ghat occidentali, offre anche paesaggi unici, dove il blu delle onde si sposa con il verde delle palme da cocco, dove il silenzio del dedalo dei corsi d'acqua, solcato dalle caratteristiche imbarcazioni, rallenta il ritmo dei pensieri

Per ulteriori informazioni www.nepalese.it MIMI e Bhola 0376321139 3203088531 3460054359
Se l'articolo ti è piaciuto, supportaci condividendolo con i tuoi contatti!


Copyright © TankLab 2012